Come si usa

Tutti i segreti del letto chiodato dei fachiri, in versione fruibile e high-tech.

Il tappetino svedese Shakti Mat Original contiene 230 “fiori” in plastica ipoallergenica, ognuno dei quali ha 27 piccolissime punte alte tre millimetri, per un totale di oltre 6.000 stimolanti aghi di pressione.
Il numero delle punte è importante, perché il peso del vostro corpo viene distribuito sulla superficie coperta di mini-aghi. Più numerosi sono gli aghi, più distribuito sarà il peso e quindi più leggero l’effetto stimolante-rilassante.
Tutti i colori ShaktiShakti Original (verde o arancione), e Shakti Mat Eco (brown) con i suoi 6000 punti di contatto, è studiato per dare beneficio e benessere alla maggior parte degli utenti.

Shakti Light (giallo), con 8000 punti di contatto, è studiato per chi è più sensibile e desidera un effetto soft.
Shakti Advance (blu), invece, ha 4000 punti di contatto. È studiato per chi preferisce una stimolazione particolarmente intensa, e per chi dopo aver utilizzato a lungo Shakti Original desidera fare un “salto di categoria”.

Come si usa

Stendete il tappetino sul letto o su una superficie soffice. Un asciugamano arrotolato può essere posizionato sotto il tappetino in modo da sostenere i muscoli del collo. L’uso dell’asciugamano è opzionale, soprattutto durante le prime sedute.

Shakti Mat: Collo e Schiena
Stendetevi lentamente sulla schiena, in una posizione confortevole che permetta alla vostra schiena nuda di rilassarsi al contatto delle punte di pressione (per vedere altre posizioni vai alla sezione YOGA).
Respirate profondamente. Rilassatevi.

Farà male?

Inizialmente, potreste sentire una lieve pena, una sensazione di fastidio nei punti in cui la pelle tocca gli aghi, ma entro due-tre minuti questa sensazione scompare e al suo posto sentirete una piacevolissima ondata di calore e relax. Questo è il segnale che le punte di pressione hanno iniziato a fare il loro lavoro. La sensazione di calore può essere percepita immediatamente, dopo qualche minuto, o dopo qualche seduta. L’effetto varia da persona a persona. Questo dipende dal vostro corpo e dai vostri livelli di stress.

Pelli Sensibili

Se avete una pelle estremamente sensibile, vi consigliamo – inizialmente – di stendere sul tappetino un sottile telo in seta o cotone finissimo.
L’utilizzo di un telo più spesso, o stendersi indossando una t-shirt elimina del tutto ogni possibile fastidio iniziale, ma non fa “lavorare” le punte e quindi riduce i principali benefici del tappetino!

Stress-Test

Ricordate: il possibile fastidio iniziale scompare dopo i primi minuti. Con l’utilizzo frequente del tappetino non appare più, nemmeno all’inizio. Perché?
Perché questo fastidio è un indice di stress. Più siete stressati e più lo potreste sentire. L’uso frequente di Shakti Mat riduce notevolmente i livelli di stress, e quindi col tempo il fastidio scompare. Per saperne di più, vedere la sezione benefici del nostro sito.

Per quanto tempo?

Inizialmente, consigliamo sessioni giornaliere di dieci minuti. Ben presto, potrete aumentarle fino a 20-40 minuti. Consigliamo di stendervi sulla schiena nuda. In seguito potrete assumere tutte le altre posizioni, molto benefiche, descritte nella sezione benefici Shakti Mat.

Usare Shakti Mat significa imparare ad ascoltare il proprio corpo. Seguitelo, aiutatelo. I benefici non si faranno attendere.

Una piacevole scoperta: il sonno

Sedute di 10, 20 o 40 minuti? Chi conosce bene Shakti Mat potrebbe scoppiare a ridere. In realtà dopo pochissime sedute tutti scoprono che il tappetino svedese regala una sensazione di relax così completa da provocare un sonno profondo, che ricarica le energie in modo davvero straordinario. Un vero toccasana per chi soffre di insonnia. Addormentarsi sul tappetino va benissimo, lo fanno ogni sera centinaia di migliaia di utenti in giro per il mondo.

Avvertenze

Se avete problemi o caratteristiche dermatologiche particolari, stendete su Shakti Mat un sottile telo di seta o cotone. Nel caso di ferite non ancora cicatrizzate, nei che sanguinano o di grandi dimensioni contattate il vostro dermatologo.

Se prendete medicinali anti-coagulanti (Shakti Mat stimola la circolazione), se avete problemi al cuore o se avete dubbi sulle vostre condizioni di salute, chiedete il consiglio del vostro medico prima di utilizzare il tappetino.

Al momento sono in corso – in varie università e cliniche di Svezia e Svizzera – studi scientifici atti a determinare cosa succede al corpo umano quando si utilizza il tappetino per agopressione.
Al momento non sono disponibili informazioni sull’uso di Shakti Mat durante la gravidanza o l’allattamento.
Per altri dubbi consultare le FAQ o mandare una email a: info@shakti-mat.it

Lavaggio

Quando necessario, lavare a mano in acqua tiepida e asciugare naturalmente.
Rimuovere l’imbottitura prima del lavaggio.
Non lavare in lavatrice e non asciugare in tumble dryer, i punti di pressione potrebbero danneggiarsi.

Lavare separatamente o con colori simili.

Dove lo metto?

Tenete il vostro Shakti Mat lontano dalla luce diretta del sole (i raggi UV con il passare del tempo possono sbiadire i colori e danneggiare i “fiori” di plastica).
L’ideale è riporre il tappetino, arrotolato, nell’apposita Happiness Bag.

Certificazione CE

Il tappetino per agopressione Shakti è un prodotto medico-tecnico per utilizzo personale.

Componenti

Involucro in stoffa: 100% cotone biologico
Dischi di plastica: Plastica ABS (la plastica ipoallergenica usata per i giocattoli Lego)
Imbottitura: 100% Poliestere

Design

Team Shakti AB – Svezia

Customer Service Italia

email: info@shakti-mat.it
Tel.+39 339 50 12 810

 

Acquista subito Shakti Mat Originale:
soddisfatti o rimborsati!

DISCLAIMER MEDICO: Le informazioni fornite sono a scopo informativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico o di altri operatori sanitari. L’utilizzo dei dispositivi descritti non garantisce i risultati in tutti i casi in quanto potrebbe non riferirsi ai sintomi manifestati da parte di chi legge. Ancora, persone diverse che presentino gli stessi sintomi non di rado necessitano cure differenti, per via della complessità di alcuni casi clinici.